Se siamo in salute siamo sereni

Se siamo sereni siamo in grado di gestire con lucidità le situazioni che ci si presentano

Se siamo lucidi riusciamo ad agire nel migliore dei modi

Il massaggio Olistico

Il termine “Olistico” (dal greco “holon”, cioè “tutto”) di per sé non ha un significato specifico ma lo si usa per identificare un insieme di discipline che operano allo scopo di sostenere, mantenere e migliorare lo stato di salute della persona attraverso specifiche metodiche volte a stimolare e rinforzare le naturali risorse della persona. 

Le discipline olistiche non si pongono in contrapposizione, né in alcun modo intendono sostituire la medicina tradizionale ma vi si affiancano.
Se riflettiamo un attimo apparirà chiaro come tutta la storia della nostra medicina tradizionale occidentale sia la storia di una delega, alle nostre malattie, della responsabilità per "non essere felici".
Il paziente delega al medico la responsabilità di guarirci.
A sua volta il medico delega alla ricerca scientifica o ai "farmaci", ma nessuno si occupa dell'essere umano che ha di fronte.
La storia del rapporto attuale " medico e paziente" è la storia di una grave dimenticanza dei veri principi della medicina di Ippocrate e dei grandi ricercatori.
Nella Medicina tradizionale l'individuo viene infatti trattato come la somma di parti fisiche o psichiche più o meno malate.
Nell'approccio Olistico, invece,  ogni individuo è considerato diverso dall'altro e viene osservato e trattato nella propria interezza e nell'ambiente che ha intorno: Viene ascoltata la persona, non la malattia , "ricercata" la causa, non il sintomo …
La malattia quindi è vista come uno squilibrio tra fattori sociali, personali ed economici, da un lato, e cause biologiche dall'altro.
Attraverso il massaggio si cerca di "Riequilibrare", quindi mettere in armonia, le dimensioni emotive, fisiche e spirituali della persona attraverso il contatto, ed il rilassamento.
Anche il rapporto medico-paziente è differente: Con le discipline Orientali viene innanzi tutto meno quell’antipatico rapporto di “sudditanza” che si ha abitualmente nei confronti di un qualunque medico che si pone solitamente ai pazienti come colui “che sa” e dal quale dobbiamo silenziosamente e passivamente subirne le prescrizioni.
Quello che invece si crea, fin da subito, tra l’Operatore Olistico ed il ricevente è un dialogo alla pari dove l’Operatore non pratica “sulla” persona ma “con” la persona con l’obiettivo di guidarla nel viaggio alla conoscenza del linguaggio corporeo.

Non esiste un massaggio per tutto, una panacea!
Ogni soggetto ha la sua problematica che và risolta in modo sempre diverso per questo ogni tecnica è unica così come lo è ogni massaggio.
Le mani dell'Operatore si muovono senza uno schema preciso e, per chi ha una pur minima esperienza in merito, sa benissimo che diventa naturale modulare le pressioni, il tocco, il movimento, il ritmo a seconda di quello che si sente, di ciò che il corpo del ricevente comunica e delle risposte che arrivano.



 

Sento doveroso aggiungere

Le informazioni riportate in questo "spazio" sono frutto del mio lavoro e di un personale interesse ed hanno quindi solo un fine divulgativo e illustrativo.

La medicina olistica non si pone in contrapposizione, nè in alcun modo intende sostituire la medicina tradizionale quindi vi chiedo di utilizzare con intelligenza e buon senso tutte le informazioni che qui troverete.

Queste non sono infatti riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie ed in nessun caso devono sostituire farmaci o consigli prescritti da un medico.